Le basi di Instagram + 5 modi per creare engagement

0
484

Prima di iniziare a parlare di come configurare il proprio account instagram per sfruttarlo al massimo, occorre fare una piccola premessa. Sicuramente la domanda sorge in maniera abbastanza spontanea:“perchè dovrei convertire l’account della mia attività da privato ad aziendale?”. La risposta è semplice, un profilo instagram con lo status di account aziendale consente l’accesso a strumenti come insight (dati statistici), possibilità di inserire advertising a pagamento e possibilità di programmare post con software esterni.


Cerchi un gruppo Facebook per imparare di più sul food marketing? Scegli mrktgram!
Cosa bisogna fare per iscriversi? È tutto molto semplice:

  1. Compila il form in fondo a questa pagina e richiedi la tua password.
  2. Una volta ottenuta la password fai richiesta di accesso al gruppo attraverso questa pagina.
All'interno del nostro gruppo chiamato IoF (Internet of Food) scoprirai contenuti per il food marketing B2B/B2C, guide, strategie e consigli di marketing per ristoranti, pizzerie e fast food. Inoltre avrai accesso ai migliori profili Instagram da cui prendere spunto e la possibilità di interagire con la community per scambiare idee ed opinioni. Non è tutto! Gli iscritti al gruppo troveranno articoli e contenuti di mrktgram in anteprima! Cosa aspetti? Iscriviti subito!

Conversione a profilo business

Possedere una pagina Facebook è un requisito fondamentale per la conversione del profilo instagram da privato ad aziendale. Se possiedi già una pagina Facebook puoi saltare questo passaggio, in caso contrario, per crearne una, ti basta accedere al tuo profilo Facebook, cliccare in alto sul menù a tendina e selezionare la voce “crea pagina”. Dai un nome alla tua pagina, carica una foto profilo, una foto di copertina e arricchiscilo di informazioni come l’indirizzo, la tua storia, qualche post e album fotografici ecc… . Non preoccuparti, eventualmente puoi anche scegliere di nascondere la pagina Facebook e utilizzare solo instagram, ecco come:

1. Accedi alla tua pagina Facebook e vai su impostazioni.

___

2. Accedi al menù visiblità pagina e vai su modifica.

___

3. Spunta l’opzione di nascondi pagina.

___

4. Vedrai adesso la scritta “pagina non pubblicata” per renderla di nuovo disponibile vai su modifica–>togli la spunta su nascondi pagina.

Nota: i passaggi potrebbero leggermente cambiare in futuro poichè Facebook aggiorna spesso i menù delle impostazioni e la loro posizione, non dovrebbe, comunque, cambiare più di tanto il procedimento.

Ritornando a parlare della conversione a profilo business…

Vediamo ora su instagram come procedere. Accediamo al nostro account instagram, andiamo nel nostro profilo e apriamo le impostazioni, il pulsante si trova in alto a destra dello schermo. Una volta entrati nel menù cerchiamo la voce “passa a profilo aziendale”, clicchiamo poi su “continua” e solitamente dovrebbe comparire in automatico la nostra pagina Facebook, se non c’è instagram ci suggerisce di cercarla o effettuare l’accesso a Facebook per importarla. Per ulteriori chiarimenti guarda questo video tutorial oppure questo.

Nota: se la vedi ma non riesci ad aggiungere la pagina Facebook assicurati di essere impostato con lo status di amministratore della pagina.

Ti potrebbe interessare: inaugurare un ristorante

Prime configurazioni

Una volta collegata la pagina sei già operativo. Se hai aperto da poco l’account instagram non avrai molti followers o forse neanche uno, quindi non potrai visualizzare i dati statistici. Vediamo, quindi, come settare al meglio il tuo profilo.

  • Inserisci la foto profilo, solitamente è il logo aziendale, se il tuo logo ha un nome lungo consigliamo di farlo iconizzare e ottimizzare da un grafico per una migliore visibilità da parte dell’utente.
  • Inserisci la bio, importante perchè descrive in poche parole chi è la tua azienda e cosa fa.
Ecco un esempio pratico di bio semplice ma funzionale.

Vuoi sapere come inserire del testo in bio andando a capo? Semplice crea una lista dalla tua app note dello smartphone, poi copia e incolla il contenuto in bio. Guarda la foto sotto, lo spieghiamo su iPhone ma nella maggior parte dei casi l’elenco puntato ha la stessa icona anche su altri sistemi operativi.

bio-instagram
1. Accedi al pannello per inserire elenchi puntati.

___

bio instagram
2. Seleziona l’elenco puntato, poi copia e incolla il testo sulla bio di instagram.

___

bio instagram
3. La tua bio minimale ed iconizzata è pronta.

Grazie ad un aggiornamento del 2018 puoi utilizzare #hashtag e @menzioni come collegamenti ipertestuali (link) in bio. Questi elementi diventano selezionabili, quindi se inserisci un #hashtag del tuo brand, l’utente una volta che lo ha cliccato vedrà tutti i post collegati, davvermo molto utile.

Ti potrebbe interessare: idee per pizzeria da asporto

Specifica le tue competenze

La bio, come detto, è una porzione di testo davvero importante. Libera la tua creatività e cerca di ottimizzarla al meglio. Se vuoi puoi anche includere una bio più testuale invece che una semplificata, specifica le tue competenze, i tuoi servizi o i tuoi prodotti. Hai a disposizione 150 caratteri per parlare della tua attività.

Call to action

Non dimenticare le call to action! Sono dei pulsanti interattivi che consentono ai tuoi followers di chiamarti, ricevere indicazioni stradali per arrivare alla tua attività o inviarti una mail. Per la configurazione di queste impostazioni ti rimando al Quick start (vedi pagina 6 “opzioni di contatto”) che il team di mrktgram ti ha inviato al momento della tua iscrizione oppure puoi scaricarlo da qui.

Lo stile

Un argomento che spesso ripeteremo su mrktgram sarà lo stile e la qualità delle foto. Instagram nasce come social network fotografico, Facebook per fare un esempio, è un social generalista e fino ad ora molti piccoli/medi imprenditori hanno pubblicato sulle loro pagine “accozzaglie” di foto spesso senza curarne lo stile, il taglio e i colori. Su instagram non funziona cosi, gli utenti lo sanno e ignoreranno il vostro profilo se non prendete dei piccoli accorgimenti. Vediamo quali:

  • Assicurati di aver impostato una buona illuminazione ambientale per lo scatto delle tue foto.
  • Gli smartphone integrano una griglia per il corretto centramento del soggetto in foto, utilizzalo! In alternativa puoi utilizzare l’editor di instagram per dare una sistemata in post-produzione (editor modifica).
  • I colori sono importanti, assicurati che ci sia continuità e coerenza di gamma cromatica (colori) nelle tue foto. Queste andranno a creare le anteprime presenti nel tuo profilo e trovarsi con foto a tema blu, rosso e verde non è per niente un buon risultato.

Ecco due profili da cui prendere spunto per la pagina profilo:

Ti potrebbe interessare: idee per rilanciare un ristorante

Pianifica i contenuti

Grazie al tuo abbonamento a mrktgram un social media manager ti assisterà nella creazione di un piano editoriale settimanale. Tuttavia è utile capire come e quando pubblicare i tuoi post, per questo ti consigliamo sempre di pianificare una linea editoriale. Cosa significa? Semplice, fissa un giorno della settimana, ad esempio il lunedì e spendi parte della giornata nella creazione di contenuti e pubblicazione programmata nei giorni successivi della settimana. Questo ti consente di aumentare la tua produttività concentrandoti meglio sul tuo lavoro ma con la consapevolezza che il tuo profilo social è sempre aggiornato. Un ottimo tool di programmazione dei contenuti per instagram è
Crowdfire (Web iOS Android) che vedrai insieme al tuo assistente editoriale.

UGC: user generated content e interazione

Un ottimo modo per fidelizzare i tuoi followers è quello di integrare i loro contenuti, per esempio lanciando un contest chiedendo di pubblicare una foto a tema con il tuo hashtag (attenzione a rimanere nell’ambito del contest gratuito e non creare un concorso a premi dove entra in gioco la burocrazia italiana, qui altre informazioni: link articolo 1 e link articolo 2). Inoltre tramite le stories di Instagram puoi creare sondaggi, rispondere a domande o chiedere ai tuoi utenti di mandarti un messaggio su direct (messaggistica di instagram) per avere ulteriori informazioni sui tuoi prodotti e servizi. Parleremo e vedremo altri metodi per generare interazione da parte degli utenti verso il tuo profilo più avanti.

Cosa puoi postare su instagram

Instagram ha rivoluzionato, in parte, la tipologia di contenuti sui social, per meglio dire ne ha cambiato il formato. Le foto e i video del feed home hanno il cosidetto formato quadrato, layout disponibile per la maggior parte degli smartphone in commercio direttamente dall’app fotocamera, risoluzione 1080px X 1080px. Puoi anche pubblicare foto nel formato classico ma è stimato che il layout nativo di instagram sia più apprezzato dagli utenti. Anche i video in feed home condividono la stessa risoluzione, motivo per cui, spesso vengono realizzati dei “crop” cioè dei tagli per adattarli a questo particolare formato cercando di non far perdere qualità ai video.

Ottime app e tool per creare post, foto e video accattivanti:

Stories e live

Il vero fulmine a ciel sereno sono state, lo sono tutt’ora, le stories. Brevi foto o video che si autodistruggono dopo 24 ore, un modo completamente nuovo di intendere i contenuti social. D’altronde perchè dovrei mai cancellare un video o una foto realizzata in modo professionale? In effetti la feature copiata dal competitor Snapchat ad un certo punto ha fatto riflettere, ad oggi è possibile inserire storie passate nei “contenuti in evidenza”, anzi sono molto importanti per far capire ai tuoi followers di cosa si occupa il tuo brand. Le storie in evidenza saranno sempre visibili sul tuo profilo.

In sintesi le storie andranno ad occupare la parte alta dell’app di Instagram e potrai fare uno swipe da destra verso sinistra per scorrere tra i contenuti dei profili che segui. Anche le live trovano posto in questo spazio dedicato, sicuramente un ottimo strumento per mandare in diretta un evento che hai organizzato nel tuo studio, ristorante o la tua partecipazione in una fiera di settore.

Creare engagement

Vogliamo essere subito chiari, uno dei motivi per cui dovrebbe venirti in mente di aprire un account instagram è la possibilità di acquisire engagement di qualità da parte dei tuoi nuovi followers. Ma cosa si intende per engagement? Sono tutte quelle attività che un utente compie con i tuoi contenuti o il tuo profilo: mi piace, commenti, mensioni, visualizzazione delle storie, click sul tuo sito web o attivazione di una call to action del tuo profilo (chiamata, indicazioni stradali, invio e-mail). Inoltre in termini di creazione di advertising a pagamento è possibile tracciare chi interagisce con il tuo profilo e con il tuo sito per mostrargli annunci sponsorizzati, mica una cosa da poco!

5 modi per generare engagement

  1. Mostra il volto umano della tua azienda: le persone amano i retroscena, i dietro le quinte della tua attività. Intervista i tuoi dipendenti, parla delle tue prossime iniziative, fai vedere il tuo luogo di lavoro, filma dei momenti di lavoro come la preparazione di cocktail, la realizzazione di un manufatto il legno, la cucitura di un ricamo ecc… . Le persone amano vedere i cosidetti “work life moment”.
  2. Suggerisci, nei limite del possibile, ai tuoi dipendenti di scattare delle foto mentre lavorano nella loro mansione, avranno sicuramente dei pensieri, attività e curiosità che possono incuriosire gli utenti. Usa l’app Repost o fai uno screen a questi contenuti e condividili come storie instagram.
  3. Educa i tuoi followers, crea contenuti che spieghino quello che fai e perchè lo fai. Stai utilizzando un nuovo strumento nella tua ferramenta? Fai uso di una materia prima particolare per la tua nuova ricetta? Illustrane i vantaggi e le particolarità.
  4. Individua gli influencer che possono aiutarti a crescere. L’influencer è una persona autorevole di un determinato settore, per farti un esempio Chiara Ferragni è una influencer del settore moda, anche se ormai appartiene alla categoria dei macroinfluencer cioè che potenzialmente può sponsorizzare in altri ambiti, fino a qualche anno fa era il principale volto (continua ad esserlo) dei brand di moda. Individua il tuo microinfluencer e tramite degli sconti o coupon chiedi se è possibile avviare una collaborazione. Ti consigliamo di leggere questo articolo in merito.
  5. Utilizza le funzioni sticker delle storie, poni domande, crea sondaggi, organizza contest, utilizza ogni strumento pertinente ad attirare nuovi followers e creare un solido legame utente/brand.

Conclusioni

Adesso conosci lei basi per cominciare a pubblicizzare la tua attività su instagram, vogliamo segnalarti due ulteriori articoli per seguire i trend più imporanti del 2019 su instagram. Tenersi aggiornati è essenziale per continuare ad offrire contenuti di qualità, buon lavoro!

ps: vuoi entrare nella miglior community di esperti sul food marketing? Iscriviti nel gruppo Facebook di mrktgram: Iof (Internet of Food), puoi farlo seguendo questi semplici passaggi:

  1. Compila il form in fondo a questa pagina e richiedi la tua password.
  2. Una volta ottenuta la password fai richiesta di accesso al gruppo attraverso questa pagina.

Ti aspettano contenuti per il food marketing B2B, guide, strategie e consigli per promuovere ristoranti, pizzerie e fast food! 😉

mrktgram sui social:

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook per trovare approfondimenti e focus esclusivi, clicca qui.

Seguici sul nostro profilo Instagram, ogni giorno consigli e suggerimenti per promuovere ristoranti, pizzerie e fast-food, clicca qui.


#mrktgram il tuo social media manager

Grazie all’abbonamento a #mrktgram avrai un professionista del marketing al tuo fianco che prenderà visione della tua attività e ti seguirà passo dopo passo verso il successo. Nell’abbonamento è incluso:

  • Un Instagram manager a tua disposizione che ti aiuterà nella creazione del piano editoriale, realizzazione di post, stories e advertising a pagamento con relativi funnel di vendita per attirare nuovi clienti ed aumentare gli incassi della tua attività.
  • Abstract mensili sui libri di food marketing dedicati esclusivamente a Instagram e Instagram TV, una vera libreria dedicata.
  • Video tutorial, case history ed interviste esclusive con esperti del settore.

Acquista subito il tuo abbonamento