Instagram stories, il futuro dei social

0
279

Sembra ormai un fenomeno in netto avanzamento, le stories prendono sempre più piede nei nostri smartphone e in casa Zuckerberg l’evento non sta passando inosservato. Periodicamente vengono rilasciati aggiornamenti con espansione delle funzionalità, layout e strumenti per creare e condividere storie sempre più dettagliate e interattive. Ma quale prospettive avrà la condivisione online? Qual è il futuro di Instagram? Scopriamolo.


Cerchi un gruppo Facebook per imparare di più sul food marketing? Scegli mrktgram!
Cosa bisogna fare per iscriversi? È tutto molto semplice:

  1. Compila il form in fondo a questa pagina e richiedi la tua password.
  2. Una volta ottenuta la password fai richiesta di accesso al gruppo attraverso questa pagina.
All'interno del nostro gruppo chiamato IoF (Internet of Food) scoprirai contenuti per il food marketing B2B/B2C, guide, strategie e consigli di marketing per ristoranti, pizzerie e fast food. Inoltre avrai accesso ai migliori profili Instagram da cui prendere spunto e la possibilità di interagire con la community per scambiare idee ed opinioni. Non è tutto! Gli iscritti al gruppo troveranno articoli e contenuti di mrktgram in anteprima! Cosa aspetti? Iscriviti subito!

Come sfruttare le Instagram stories

Utilizzare le stories per aumentare e coinvolgere i tuoi followers è sicuramente una delle strategie più azzeccate su Instagram. Principalmente puoi postare foto o video di pochi secondi, questo significa che in poco tempo devi essere in grado di stupire ed impressionare i tuoi utenti.

Come utilizzare le Instagram stories per stupire la community e attirare nuovi followers nel vostro locale?

  • Invito all’azione: suggerisci i tuoi nuovi piatti facendo vedere un video durante la preparazione e un secondo video a piatto pronto.
  • Sii creativo: pubblica una serie di foto stories con una cloche chiusa e tramite una foto dopo l’altra si apre per mostrare il tuo piatto. Qui una foto per capire cos’è una cloche.
  • Diretta video in cucina: organizza una diretta in cucina con il tuo chef, prepara la cucina (nel limite del possibile) per ricreare quella atmosfera da Masterchef o da “Prova del cuoco”. Fai preparare al tuo chef qualche piatto tipico e se ne è in grado, fai stupire i follower con lo show cooking. Mentre cucina potete parlare degli ingredienti utilizzati, la storia del piatto, i vidi di accompagnamento ecc… . Cerca di rendere tutto il più professionale possibile. Ricorda che puoi riutilizzare la diretta salvandola e pubblicandola come video su IGTV (Instagram TV).
  • Le interazioni sono stories: raccogli i commenti, i like, il numero dei coperti del mese e le tue prenotazioni in una o più Instagram stories. Come raccogliere questi dati? Tramite gli screenshot dal tuo smartphone, solitamente si preme il tasto home + il tasto blocco schermo ma puoi cercare facilmente su Google la modalità per il tuo dispositivo. Successivamente puoi pensare di utilizzare Canva
    (solo Web per versione completa), un web software gratuito per creare post e grafiche per i social network.

Ti potrebbe interessare: aumentare gli incassi di una pizzeria

Stickers Instagram: come utilizzarli

Le Instagram stories non sarebbero arrivate a diventare un trend social senza gli amatissimi stickers. Si tratta sostanzialmente di pulsanti interattivi di varia forma e tipo, facilmente implementabili dalla libreria dell’Instagram stories editor.

Come utilizzare gli stickers Instagram per promuovere il proprio ristorante, pizzeria o fast-food:

  • Hashtag: lo sticker hashtag ti permette di inserire un hashtag nella tua storia. Questo ti consente di essere trovato dagli utenti che cercano il tuo hashtag nella sezione:”esplora”. Un ottimo modo per farsi trovare da nuovi followers.
  • Fammi una domanda: consente di avviare un:”Domanda e risposta” con i tuoi followers. Ad esempio puoi pensare di creare una storia con la locandina della band che suonerà nel tuo locale ed utilizzare lo sticker:”fammi una domanda” per spingere i followers a chiderti informazioni (orari, prezzi, programma della serata ecc…).
  • Luogo: geolocalizza la tua storia, simile allo sticker hashtag ma con la variante che qui viene registrato il luogo e la possibilità di avviare facilmente il navigatore gps per farti raggiungere facilmente dai potenziali clienti. Oltre a inserire come luogo il tuo locale puoi anche creare delle stories sulla località di dove vengono prodotti gl ingredienti che usi nel tuo locale, una sorta di modo alternativo per coinvolgere la community.
  • Testo: inserite una frase o una call to action (invito a chiamarvi o scrivervi in chat), inserite emoji, hashtag o menzioni. Lo sticker testo non ha molte interazioni ma potete abbelirlo con caratteri e stili differenti per adattarlo al meglio alla vostra storia.
  • Menzione: taggate un vostro partner o fornitore, sfruttate la possibilità di creare collaborazioni con altri profili Instagram a voi affini. Nota: mentre nei post Instagram, se taggate un profilo in una foto, questa comparirà nella sezione:”foto dove sei presente” del profilo taggato, non sarà lo stesso per le stories, sarà il profilo a cui attribuirete il tag che deciderà se condividere la storia da voi realizzata nel suo profilo. Farsi trovare nella sezione:”foto dove sei presente” di altri profili Instagram aumenta la possibilità di essere seguiti, ma come detto al momento è limitata al solo feed Instagram standard e non alle stories.
  • Slider indice di gradimento: un comodo sticker dove i followers possono dare una valutazione di apprezzamento della foto ma non è tutto. Potete cambiare lo stato d’animo dell’emoticon e decidere se avere una storia dove far valutare l’indice di apprezzamento piuttosto che quello di sorpresa. Scegliete l’emoticon che volete e fate interagire i followers con le vostre storie.

Ti potrebbe interessare: diversificare i contenuti su Instagram

Storytelling

Lo storytelling è una parte fondamentale per il corretto posizionamento e percezione del tuo locale da parte dei tuoi utenti, ma andiamo con ordine, cosa si intende per storytelling? Fondamentalmente si intende l’atto di narrare direttamente o indirettamente un concetto, un’idea o un pensiero suscitando una precisa emozione o una percezione da parte dell’ascoltatore.

Il marketing non riguarda più le cose che fai ma le storie che racconti

Cit. Seth Godin

Al giorno d’oggi lo storytelling, in questo caso poniamo l’esempio di brand famosi a livello internazionale, parte spesso dagli spot TV. I video e le immagini sono le forme più potenti per generare sensazioni verso chi le guarda, ecco qui qualche esempio non del mondo food per capire meglio:

  • Spot Amazon (non vende un e-commerce, vende comodità).
  • Spot Jaguar (non vende una macchina, vende natura selvaggia e potenza).
  • Spot Mulino Bianco (non vende biscotti, vende l’idea di colazione in famiglia).

Capite bene che il messaggio comunicativo è potentissimo riuscendo a creare nella mente delle persone delle leve utili ai fini di marketing. Come amiamo dire ai nostri amici ristoratori:“Fate qualcosa per qualcuno, non per tutti”. Questa frase è fondamentale perchè arrivati ormai al 2020 è impensabile aprire un ristorante, una pizzeria o un fast-food senza un’identità comunicativa precisa.

Cosa rappresenta il tuo locale? Lusso? Stile country? Rustico? Gourmet? Un locale gourmet non avrà lo stesso stile comunicativo (estetica, menù, sito web, volantini, spot video) di un locale country, ecco perchè bisogna raccontare ma sopratutto narrare con efficacia la propria identità aziendale.

Instagram, in tal senso, è uno dei pochi social network famosi in grado di rendere possibile quello che definiamo:“social storytelling” poichè a differenza di altre piattaforme, si presenta con un’interfaccia molto più pulita, risaltando la cosa più importante: i contenuti (foto, video, stories).

Ti potrebbe interessare: idee innovative per pizzeria

Come fare food storytelling su Instagram

Ci sono alcuni aspetti fondamentali da considerare prima di avventurarsi nel raccontare il proprio brand su Instagram. Innanzitutto è sempre meglio avere l’attrezzatura necessaria, evitando cosi di realizzare contenuti di scarsa qualità e privi di significato.

Attrezzatura fotografica:

App da installare e se necessario avere già un account registrato, ovviamente parliamo di tutte app gratuite:

Bene adesso che abbiamo tutto, siamo pronti per cominciare a fare storytelling con il nostro profilo Instagram:

  1. Immagine del profilo: inserite un logo facilmente riconoscibile, se ne avete uno con un naming (nome) troppo lungo contattate un grafico professionista e fatevi adattare un logo per Instagram. Vedi questi esempi: @carbogang, @gianpizzeria.
  2. Call to action: imposta dei pulsanti rapidi per farti chiamare, inviare un messaggio o avviare il navigatore, qui purtroppo le personalizzazioni estetiche non sono attive ma in questa sezione è presente anche lo spazio per inserire il sito web, ne parliamo qui (link articolo).
  3. Stories in evidenza: qui c’è da fare una premessa, le stories in evidenza possono essere inserite nella parte sottostante alla bio (vedi foto) solo dopo aver pubblicato delle Instagram stories normalissime. In pratica le Instagram stories in evidenza sono le Instagram stories che hai pubblicato in passato con la possibilità di selezionarle singolarmente e inserirle in un’unica storia. Ad esempio se hai pubblicato in giorni differenti diverse parti del tuo menù puoi pensare di creare una storia in evidenza con tutte le foto del tuo menù che hai postato in passato. Inoltre puoi anche impostare una foto di copertina, un’ottima aggiunta per dare un tocco di stile al tuo profilo.
  4. Thumbs (anteprime) e contenuti: Instagram non è Facebook, le foto dovranno avere delle palette colori e stile unici e caratterizzati, gli utenti devono capire immediatamente che si tratta del tuo brand oltre a percepirne il mood (l’emozione e la sensazione che vuoi suscitare in loro). Cerchiata in rosso la parte relativa alle thumbs
  5. Cosa postare? Come fare gli scatti? Quale angolatura scegliere? Quali settaggi post-produzione attivare?

Conclusioni

Le Instagram stories rappresentano il futuro del content marketing su Instagram, numerose, come abbiamo visto, le idee ed opportunità messe a disposizione della piattaforma per promuovere al meglio ristoranti, pizzerie e fast-food. Non dimenticate a tenere traccia dei risultati delle stories attraverso lo strumenti di insight (dati statistici) per Instagram, vi aiuterà moltissimo a capire quali contenuti sono stati più visualizzati di altri.

ps: vuoi entrare nella miglior community di esperti sul food marketing? Iscriviti nel gruppo Facebook di mrktgram: Iof (Internet of Food), puoi farlo seguendo questi semplici passaggi:

  1. Compila il form in fondo a questa pagina e richiedi la tua password.
  2. Una volta ottenuta la password fai richiesta di accesso al gruppo attraverso questa pagina.
Ti aspettano contenuti per il food marketing B2B, guide, strategie e consigli per promuovere ristoranti, pizzerie e fast food! 😉

#mrktgram il tuo social media manager

Grazie all’abbonamento a #mrktgram avrai un professionista del marketing al tuo fianco che prenderà visione della tua attività e ti seguirà passo dopo passo verso il successo. Nell’abbonamento è incluso:

  • Un Instagram manager a tua disposizione che ti aiuterà nella creazione del piano editoriale, realizzazione di post, stories e advertising a pagamento con relativi funnel di vendita per attirare nuovi clienti ed aumentare gli incassi della tua attività.
  • Abstract mensili sui libri di food marketing dedicati esclusivamente a Instagram e Instagram TV, una vera libreria dedicata.
  • Video tutorial, case history ed interviste esclusive con esperti del settore.

Acquista subito il tuo abbonamento

Articolo precedente[ABSTRACT] Marketing per ristoratori incalliti
Founder, web & graphic designer di #mrktgram. Mi occupo principalmente del copyright dei contenuti, news, impaginazione, web design, SEO, advertising e social managment. Dal 2016 gestisco lo studio web-grafico di 27design.it da cui nascono anche startup innovative nel mondo digital.