Come creare un menu per ristorante

0
40

Fondamentalmente oggi parliamo del “pezzo di carta” più importante in qualsiasi ristorante, il menù. Noi di mrktgram abbiamo identificato dei touchpoints (punti di contatto) per riconoscere l’identità e l’immagine di un ristorante, oltre indirettamente, a riconoscerne la qualità e sicuramente il menù è uno di questi. Vediamo quindi come creare un menu per ristorante ma sopratutto come strutturare un menu per ristorante in maniera altamente qualitativa.


Cerchi un gruppo Facebook per imparare di più sul food marketing? Scegli mrktgram!
Cosa bisogna fare per iscriversi? È tutto molto semplice: clicca qui.

All'interno del nostro gruppo chiamato Food Connected scoprirai contenuti per il food marketing B2B/B2C, guide, strategie e consigli di marketing per ristoranti, pizzerie e fast food. Inoltre avrai accesso ai migliori profili Instagram da cui prendere spunto e la possibilità di interagire con la community per scambiare idee ed opinioni. Non è tutto! Gli iscritti al gruppo troveranno articoli e contenuti di mrktgram in anteprima! Cosa aspetti? Iscriviti subito! Clicca qui!

Burocrazia

Come tante attività anche nel settore della ristorazione (anzi sopratutto nel settore della ristorazione) c’è tanta burocrazia e norme da seguire. Specialmente nei menù dobbiamo indicare una serie di note a piè di pagina legata agli allergeni e ad altre norme igienico-sanitarie che un ispettore HACCP o il tuo commercialista/consulente saprà sicuramente aiutarti. Cosa fare quindi?

  • Nella realizzazione del menù prevedete di inserire 1 o 2 pagine all’inizio e alla fine (prima e dopo la scelta delle pietanze). Questo per inserire eventuali testi burocratici.
  • Lasciate sempre uno spazio libero sul fondo delle pagine dove sono elencate le vostre pietanze ed eventualmente anche tra una pietanza ed un’altra, potrebbe essere necessario indicare dei richiami alle norme o una descrizione particolare degli ingredienti (ad esempio prodotto surgelato).

Contattate sempre gli esperti di settore che sapranno dirvi cosa scrivere nel menù, a livello di norme, per la vostra attività.

Touchpoints e identità

Accennavamo prima ai touchpoints che un ristorante possiede, ebbene ognuno di questi funge da filtro qualitativo e selettivo nei confronti della clientela. Cosa vuol dire? Ogni punto di contatto serve a far capire al potenziale cliente chi siamo, cosa facciamo, quali sono (o potrebbero essere) le nostre pietanze e come lo comunichiamo. Facciamo prima a parlare in termini pratici, vediamone alcuni:

  • La comunicazione social: gli utenti ormai sono sempre attaccati ai social network per informarsi e conoscere nuovi brand, ristoranti, pizzerie ecc… anche voi passerete dalla graticola per essere analizzati e capire se siete il ristorante giusto. Ogni clientela è diversa, c’è chi ama il pesce, chi la carne, chi il vegan ecc… ogni touchpoints dovrebbe definire il target (il pubblico, il tipo di clientela) ideale.
  • Insegna e logo: ogni ristorante che si rispetti dovrebbe avere un’insegna che parla da sola, già dal logo spesso si capisce la tipologia del ristorante e quali sono i piatti forti. Se leggiamo “steak & barbeque beef” sicuramente le specialità non saranno di pesce.
  • Arredamento interno ed esterno: da non sottovalutare il cosidetto interior design, alcuni brand hanno fatto la loro fortuna con la creazione di un’atmosfera giusta. Prendete l’Old Wild West, secondo noi è il classico esempio di brand di successo, il tipico arredamento country in stile saloon del far west, il menù, i poster retrò appesi al muro e l’abbigliamento personalizzato del personale creano già un primo mood (tema) di appartenenza. Insomma se amate anche un pochino questo genere di locali vorrete andare solo da loro, ecco che si crea esclusività.
  • Il menù: proprio così, anche il menù sia in versione cartacea che digital diventa un touchpoint, il modo in cui chiamiamo le pietanze, la descrizione dei piatti, il font (carattere tipografico), il template scelto, le foto ecc… fanno tutto parte dell’immagine coordinata del ristorante che dovrebbe rispecchiare l’identità e il mood stesso del brand. Ecco perchè un menù non è solo funzionale a livello di ordinazioni ma definisce e seleziona ulteriormente il target del vostro locale.

“Quel business che si ritiene immune dalla pubblicità prima o poi si ritrova immune da ogni tipo di business”.

Cit. Dwarf Brown

Best practices

Come tante strategie e processi di marketing, esistono anche in questo caso delle pratiche consigliate, meglio note come best pratices, riguardo alla realizzazione di un menù. Diciamo che scrivere un menù fai da te non è il massimo ma seguendo le nostre raccomandazioni sicuramente colpirete nel segno. Ci sono dei punti fondamentali che devono esserci assolutamente, pena una scarsa realizzazione dell’elaborato.

Quali sono questi punti? Sicuramente la trasparenza, intesa si come prezzo finale per il cliente sia riguardo gli ingredienti che inserite in una pietanza, magari un primo piatto di pasta o una pizza. Importante anche le note a piè di pagina come eventuali sovraprezzi, costo del coperto, aggiunte extra ecc… .

Nel mercato odierno, dopo la pandemia del Coronavirus è diventata una prassi inserire un menù digitale tramite il QR Code, uno speciale codice che se inquadrato dai vostri smartphone vi condurrà ad un indirizzo web che potrebbe essere il vostro sito contenente il menù. Eventualmente se non sapete come acquistare un dominio ed un hosting e creare un sito web con blog potete seguire questi due articoli realizzati da noi molto facili da seguire:

  1. Articolo di riferimento:”come pubblicizzare un ristorante gratis” (andate al paragrafo:”Come creare un blog gratis (o quasi)”, ci saranno tutti i passaggi step by step per comprare dominio, hosting ed eventuali elementi aggiuntivi).
  2. Articolo di riferimento:”come promuovere un ristorante” (andate al paragrafo:”Creare un sito web + blog offline”, troverete 4 video step by step per creare in pochi minuti un sito web con blog senza scrivere una riga di codice di programmazione).

Oggi invece vedremo come creare un menu per ristorante utilizzando prevalentemente Canva, la suite online gratuita piena di template per ristorante gratis già pronti per essere utilizzati dal vostro brand. Andremo ad analizzare anche metodi alternativi a Canva come ad esempio creare un menu per ristorante con Word e altre applicazioni simili.

“Più che farci conoscere un prodotto, la pubblicità deve farcelo desiderare”.

Cit. Roberto Gervaso

Template e design

Riguardo al design, quindi alla rappresentazione grafica ed estetica dei menù, ci sono diversi modelli da cui trarre ispirazione. Come dicevamo prima su Canva, la suite grafica gratuita facile da usare, esistono diversi template già pronti ma in questo caso per prendere un pò più di ispirazione è il caso di dare un’occhiata su Pinterest, un social network orientato ai lavori grafici, ecco qualche esempio di menù:

Quindi scegliete con cura la tipologia di template: fotografico? Minimale? Creativo? Tutto si modella in base al mood del vostro locale.

Raccomandazioni

La creazione di un menù che abbia veramente successo e funzioni alla grande prevede un lavoro eccellente, il quale, se state per affrontarlo per la prima volta potreste incappare in qualche errore banale. Ma non preoccupatevi, vediamo subito dove fare attenzione e come si struttura un menù:

  1. Creare menù lunghissimi: un primo errore in cui spesso si cade è quello di creare dei menù poemi. Pagine e pagine di pietanze per un ristorante che, nella maggior parte dei casi, può andare dietro a 5-6 pietanze contemporaneamente. Quindi occhio! Tante pietanze vuol dire tanta mano d’opera e attrezzatura in cucina!
  2. Il tatto, piccole dettagli che fanno la differenza: non avrete mica pensato per il vostro ristorante di lusso di mettere delle copertina in plastica? Rovinereste il mood (il tema) del vostro locale! Se siete un fast food o una piccola pizzeria d’asporto potrebbe anche andare bene ma noi vi raccomandiamo di farvi un giro dal vostro tipografo di fiducia per analizzare le possibili soluzioni: copertina in pelle, in legno, in alluminio. Prima di buttarvi sui classici carta e plastica valutate accuratamente altre soluzioni.
  3. Isolate i vostri best seller: dedicare metà pagina ad un vostro piatto forte aiuterà i clienti a orientarsi sulle specialità della casa. Una titolo creativo, una bella foto, una descrizione dettagliata e magari un QR Code con un video dedicato (cosi potete anche fare remarketing con Facebook ads) sui social faranno sicuramente la gioia del vostro fatturato.
  4. Risaltate gli ingredienti di qualità: sigle come D.O.P, I.G.P, biologico, Km 0, vegano, gluten-free ecc… aumentano tantissimo la percezione d’eccellenza e attenzione ai dettagli del vostro locale. Inoltre giocate di creatività, dare dei nomi originali alle pietanze vi aiuterà a distinguervi dai competitors. Ad esempio in un ristorante siciliano hanno rivisitato il tipico cannolo facendolo a pezzettini, lo hanno chiamato:”Frammenti di Sicilia con ricotta e uvetta” (eventualmente mettete una descrizione sotto o accanto al nome per specificare meglio di cosa si tratta).

Creiamo un menù con Canva

Eccoci finalmente arrivati al video tutorial che vi spiegherà con un esempio pratico come creare un menù per un ristorante. Resterete sbalorditi dalla rapidità ed originalità con cui potrete creare un fantastico menù in pochi minuti. Buona visione!

Una valida alternativa a Canva è Crello ma anche, seppur limitata come soluzione, Adobe Spark (iOSAndroid), entrambi gratuiti.

Creiamo un menù con Word

Microsoft Word è uno dei software più conosciuti per la videoscrittura, potenzialmente potreste trovarvelo già installato sul vostro computer, in tal caso, avreste un’ottima alternativa a Canva per la realizzazione del vostro menù.

La crezione di un menù con Word è abbastanza semplice anche se può essere un pò macchinosa dato che Word non nasce esclusivamente per la realizzazione di menù per ristoranti ma è un generico programma di video scrittura.

Qui trovate un video ben fatto che vi spiega step by step come creare un menù con Word. Il video è in inglese ma vi basterà seguire ciò che lo YouTuber fa a schermo per replicarlo facilmente anche voi.

Menù digitale

Nelle fasi più acute dell’emergenza da Covid-19 sono stati implementati in massa i menù digitali. Di cosa si tratta? Molto semplice, sono gli stessi menù che avete cartacei ma con la possibilità di vederli tramite il vostro smartphone, in questo modo non c’è un contatto diretto con la carta del menù e si evita la probabilità di aumentare gli infetti o i contagi.

La creazione di un menù digitale può passare dal vostro sito web, da una app ma anche da un bot di Messenger. In tutti i casi, oltre semplicemente a mostrare il menù nudo e crudo, potreste integrare la possibilità di ordinare direttamente online magari per espandere i vostri servizi con il food delivery e take away. Ci sono alcuni locali che consentono invece di prenotare un tavolo su internet, come il caso del ristorante Corbezzoli di cui ne abbiamo parlato in questo articolo (vedi paragrafo:”sito web”).

In ogni caso se il vostro interesse è soltanto mostrare un menù digitale vi basterà crearlo, tramite Canva o qualsiasi altro strumento e salvare il file in formato immagine (.jpeg o .png), dopodichè caricatelo sul vostro sito web tramite un programma di connessione FTP e condividete l’url del vostro menù digitale tramite QR Code (potete vedere tutto sul video sopra).

Altri consigli

Se state creando un menù per ristorante forse potrebbero interessarvi anche questi articoli:

Ricordatevi anche di creare dei menù del giorno o della settimana, molto utili a differenziare le pietanze generiche dai piatti forti quotidiani che avete scelto con il vostro chef. Il menù del giorno è molto apprezzato poichè solitamente si utilizzando prodotti di stagione o pietanze in linea con la stagione (ad esempio zuppa calda di carne di inverno).

Sfruttate al massimo anche i social network per diffondere i vostri menù, magari con delle stories Instagram in evidenza oppure ancora con dei mini video su YouTube dedicati. Se proprio volete potreste andare in live e raccontare come e perchè avete creato il menù, su quali basi e su quali pietanze vorreste puntare.

Conclusioni

Creare un menù per un ristorante diventerà un gioco da ragazzi con i consigli che avete appena letto. Inoltre le risorse inserite come esempi potranno sicuramente aiutarvi a prendere spunto e adattare un template al vostro locale senza troppe difficoltà. Voi come vi siete approcciati alla creazione di un menù? Fateci sapere nei commenti qui sotto.

ps: vuoi entrare nella miglior community di esperti sul food marketing? Iscriviti nel gruppo Facebook di mrktgram: Food Connected, puoi farlo semplicemente cliccando qui.

Ti aspettano contenuti per il food marketing B2B, guide, strategie e consigli per promuovere ristoranti, pizzerie e fast food! 😉

mrktgram sui social:

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook per trovare approfondimenti e focus esclusivi, clicca qui.

Seguici sul nostro profilo Instagram, ogni giorno consigli e suggerimenti per promuovere ristoranti, pizzerie e fast-food, clicca qui.


mrktgram il tuo social media manager

Grazie all’abbonamento a mrktgram un professionista del marketing prenderà visione della tua attività e ti seguirà passo dopo passo verso il successo. Nell’abbonamento è incluso:

  • Un social media manager a tua disposizione che ti aiuterà nella creazione del piano editoriale, realizzazione di post, stories e advertising a pagamento con relativi funnel di vendita per attirare nuovi clienti ed aumentare gli incassi della tua attività.
  • Abstract mensili, ovverto articoli tratti da veri libri sul food marketing. Una vera e propria libreria dedicata.
  • Approfondimenti, focus e tutorial sul food marketing esclusivi.

Acquista subito il tuo abbonamento